Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Florence Art Week: un percorso immersivo nell’arte contemporanea nella Culla del Rinascimento

Dal 28 settembre all’8 ottobre Firenze sarà la vetrina dell’arte contemporanea internazionale ospitando mostre, performance ed eventi imperdibili.
Condividi

La terza edizione della settimana dell’arte fiorentina torna ad animare la città rendendola ancora
una volta lo specchio del panorama artistico e culturale internazionale. Dopo il successo delle
precedenti edizioni, dove all’interno dei palazzi rinascimentali hanno preso vita le installazioni e le
opere di Henry Moore, Olafur Eliasson e Tony Cragg, quest’anno Firenze ospiterà un variegato
palinsesto di eventi culturali reso possibile grazie alla collaborazione di alcune tra le più illustri
istituzioni culturali, tra cui figurano: il Museo del Novecento, le Gallerie degli Uffizi, Palazzo
Medici Riccardi, l’Istituto degli Innocenti e la Fondazione Palazzo Strozzi, nonché fondazioni,
gallerie, associazioni, spazi no-profit, centri di produzione e ricerca, istituti scolastici e di alta
formazione della città di Firenze.

La terza edizione della settimana dell’arte fiorentina torna ad animare la città rendendola ancora  una volta lo specchio del panorama artistico e culturale internazionale. Dopo il successo delle  precedenti edizioni, dove all’interno dei palazzi rinascimentali hanno preso vita le installazioni e le  opere di Henry Moore, Olafur Eliasson e Tony Cragg, quest’anno Firenze ospiterà un variegato  palinsesto di eventi culturali reso possibile grazie alla collaborazione di alcune tra le più illustri  istituzioni culturali, tra cui figurano: il Museo del Novecento, le Gallerie degli Uffizi, Palazzo  Medici Riccardi, l’Istituto degli Innocenti e la Fondazione Palazzo Strozzi, nonché fondazioni,  gallerie, associazioni, spazi no-profit, centri di produzione e ricerca, istituti scolastici e di alta  formazione della città di Firenze. 

Il programma: 

La Florence Art Week si aprirà il 28 settembre con l’inaugurazione e apertura della mostra a  Palazzo Medici Riccardi dedicata a Fortunato Depero: Cavalcata Fantastica. La mostra, frutto di un  progetto del Museo del Novecento e curata da Sergio Risaliti ed Eva Francioli, intende mettere in  luce il particolare rapporto che unisce l’artista al territorio fiorentino e prendendo le mosse dal Nitrito di Velocità, dipinto conservato al Museo del Novecento, esaminerà alcune delle tematiche  emblematiche di Depero tra cui ad esempio il mito del progresso e della velocità. Sarà possibile  visitare la mostra fino al 28 gennaio 2024. 

Il 30 settembre, sarà il turno del Museo del Novecento dove le opere della pittrice Cecily Brown saranno esposte in Temptations, Torments, Trials e Tribulations, una mostra che può vantare la  presenza di una serie di opere inedite della pittrice e in parte ispirate alle Tentazioni di  Sant’Antonio, di cui esiste un’opera attribuita a Michelangelo Buonarroti. La mostra inoltre  continuerà anche all’interno di Palazzo vecchio dove sarà possibile ammirare un lavoro inedito  esposto nel Camerino di Bianca Cappello, uno dei luoghi del Palazzo tra i più suggestivi. Sarà  possibile visitare la mostra fino al 4 febbraio 2024. 

Il calendario prosegue con altri imperdibili appuntamenti: avrà inizio dal 3 ottobre la seconda  tappa della mostra Melma di Nico Vascellari, inaugurata lo scorso 24 giugno, che prevede la  creazione di una serie di opere, tra cui una nuova installazione per l’Arengario di Palazzo Vecchio,  una performance site-specific ideata dall’artista per il Salone dei Cinquecento e, per concludere, al  Museo del Novecento verrà proiettata una selezione di video realizzati dall’artista negli ultimi anni. Sempre il 3 ottobre, il Salone dei Cinquecento ospiterà una performance inedita, Alessio, incentrata sulle convenzioni e i codici della comunicazione non verbale ad opera di Vascellari.

Il 5 ottobre inoltre, il Museo del Novecento aprirà le porte alla mostra di Namsal Siedlecki: Endo.  Sarà un’installazione site-specific nel chiostro rinascimentale dell’edificio, interpretato dall’artista  come un ventre in cui energia e materia si rigenerano continuamente. 

Il 6 ottobre, a coronare queste incredibili mostre sarà la quarta edizione del tradizionale premio  RINASCIMENTO+, una cerimonia che avrà luogo nella Sala Luca Giordano a Palazzo Medici Riccardi,  palazzo simbolo della tradizione di mecenatismo e collezionismo che caratterizza Firenze sin dai  tempi di Lorenzo il Magnifico e Cosimo il Vecchio. Il premio, ideato da Sergio Risaliti, direttore  artistico del Museo del Novecento, è un riconoscimento internazionale con cui si intende premiare  le personalità più illustri che si sono distinte per il loro sostegno alle arti e agli artisti. 

Nella precedente edizione il premio, rappresentato da una serie di 6 sculture ideate e realizzate da  Emiliano Maggi ed ispirate alla Fontana del Nettuno in Piazza della Signoria, era stato conferito a  Marisa Chearavanont, Gianfranco D’Amato, Laura Mattioli, Fabrizio Moretti, Hussam Otaibi, Patrizia  Sandretto Re Rebaudengo. 

Quest’anno ad essere insigniti di tale premio saranno Laura Colnaghi, Danna e Giancarlo  Olgiati, Franca e Lorenzo Pinzauti, Giorgio Fasol, Nicole SaiKalis Bay, Lorenza Sebasti e Marco  Pallanti. 

Il 7 ottobre la settimana continua con l’apertura di altre due mostre: Split Face è la prima mostra monografica realizzata sulle opere di Nathaniel Mary Quinn grazie alla collaborazione tra il Museo  Stefano Bardini e il Museo del Novecento. L’artista è noto soprattutto per i suoi ritratti realizzati  nello stile collage nei quali raffigura suggestivi volti fratturati e ibridi, con i quali richiama alla  scomposizione delle avanguardie storiche. La mostra resterà aperta fino all’11 marzo 2024. 

Untrue Unreal è invece l’attesissima mostra di Anish Kapoor, un artista di fama mondiale le cui  opere fanno parte delle collezioni dei più importanti musei del pianeta. Kapoor ha rivoluzionato  l’idea di scultura nell’arte contemporanea e sembra del tutto intenzionato a fare lo stesso con Palazzo Strozzi, il quale prenderà le sembianze di quel mondo effimero e discordante ma originale  e coinvolgente che le sue installazioni trasudano, coinvolgendo il visitatore in un’esperienza che lo  porterà a mettere in discussione i propri sensi. La mostra chiuderà il 4 febbraio 2024. Gli appuntamenti continuano con alcune aperture straordinarie che aprono al pubblico spazi  generalmente inaccessibili, quali l’Archivio Storico Ferragamo o il Complesso Monumentale di  Santa Croce, e con alcuni festival organizzati dalla collaborazione di diverse realtà urbane tra cui  Manifattura Tabacchi e la Fondazione Fabbrica Europea per le Arti Contemporanee:  rispettivamente dal 28 al 30 settembre inizierà il festival Many Possible Cities mentre dall’8  settembre al 12 ottobre il Festival Fabbrica Europea.

Link Utili:
https://www.comune.fi.it/system/files/2023-09/A5-spillato-faw-ITA.pdf
https://fabbricaeuropa.net/fabbrica-europa-2023/
https://lp.agenzialama.eu/many-possible-cities/programma

Related

News